Login    Password  

[Registrati]    [Recupera Password]

            

La poesia del gabbiano

  E` arrivata esultante
la stagione del gabbiano,
è tempo d`emigrare verso terre lontane
per scoprire nuovi segreti,
nuove sensazioni.
Un nuovo giorno è oggi
per spiccare il volo sulla superficie del mare aperto,
sull`orlo dell`oceano,
per volteggiare sulla cresta dell`onda.
Vola nel vento gabbiano!
vola più in alto che puoi
non ti fermare.
La mia penna
saranno le tue ali,
i miei versi
la tua scia.


Condividi questa Poesia!

Tweet


 L'Autore della Poesia
Autore: claudio cisco
Data Pubblicazione: 19/12/2007
Lascia un commento alla poesia


 Commenti alla Poesia

Lascia un commento alla poesia

nessun oggetto. di renyzul lasciato il 19/12/2007 17:23:21
Il volo del gabbiano guida la tua penna e piu’ sale in volo piu’ s’alzano le emozioni sprigionate all’esterno con grande intensità…Bella



nessun oggetto. di filosofa lasciato il 19/12/2007 17:02:08
Bello questo senso di libertà che si sente e che si prova ..ed il gabbiano è il simbolo per eccellenza per volare ed andare lontano e la penna è lo strumento che ci accompagna nel concretizzare la nostra libertà
Bravo ...complimenti
Lia

nessun oggetto. di nuvola lasciato il 19/12/2007 15:22:51
molto bella come idea di libertà quale uccello è pù libero di un gabbiano? quale uomo è prigioniero se in mano ha una penna? bravissimo!!

nessun oggetto. di gigggi lasciato il 19/12/2007 13:21:42
Bella come una canzone contry.......!!!!!!

nessun oggetto. di alcesti lasciato il 19/12/2007 11:46:53
Bravoooo.... il gabbiano è un immagine molto significativa
è la libertà... il volare alto del cuore ...il sogno di terre lontane...complimenti...Alcesti



 Tutte le poesie di claudio cisco
- risuscitami   - era un gioco   - attraversando il sole   - alba   - bella messina   - l`armonia del creato   - in simbiosi con l`universo   - nostalgia   - nico   - ossessione per una ninfetta (liberamente ispirata al libro lolita di v. nabokov)   - il volto inquietante del mio male   - preghiera d’un’anima in pena alla luna   - quella strana ragazza   - quel mare   - allontana da me questo calice   - perdendomi nel tramonto   - madre e figlio   - mia piccola lisa   - l`aquilone   - luce   - l`infinito (liberamente tratta dalla lirica omonima di giacomo leopardi)   - pagliaccetto azzurro   - ricordo d`una ragazza scomparsa   - la fine della cicogna   - il tuo angelo bambino   - la poesia del gabbiano   - la sposa del mare   - figlia del vento   - il silenzio nel silenzio   - solitudine e libertà  


 Note Legali
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.
Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchè qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell'Autore, è punita con le sanzioni previste dagli Art. 171 e 171-ter della suddetta legge.