Login    Password  

[Registrati]    [Recupera Password]

            

La fine della cicogna

  Un serpente velenoso
s`insinua vischioso nel mio giardino d`infanzia,
due mani sporche di fango,
maliziosamente,
rubano al mio impubere corpo
l`innocenza.
Sui miei occhi appena aperti
calano inesorabili ombre senza più luce.
I sorrisi ingenui delle fate
divengono tentacoli della paura.
Muore sbocciando quel fiore reciso
che non crescerà più.
Mi hanno ucciso la cicogna
e con lei anche Gesù Bambino.


Condividi questa Poesia!

Tweet


 L'Autore della Poesia
Autore: claudio cisco
Data Pubblicazione: 03/01/2008
Lascia un commento alla poesia


 Commenti alla Poesia

Lascia un commento alla poesia

nessun oggetto. di maxrax lasciato il 06/01/2008 12:12:21
Nel rispetto...non commenti...ma semplice disprezzo per un gesto che non ha bisogno di ulteriori parole!!!

nessun oggetto. di franco lasciato il 05/01/2008 14:38:11
Fai bene a definirlo "serpente velenoso" perchè chi si macchia di questi crimini è soltanto e solamente bestia!

nessun oggetto. di il cantore lasciato il 05/01/2008 08:54:25
Non ho parole tanto sono sconvolto dall`esperienza terribile da te narrata. Il delitto più atroce è proprio questo, togliere l`innocenza a un bambino....

come ti capiscooooo!!! di alcesti lasciato il 04/01/2008 16:19:24
La mia prima enorme delusione è stata scoprire che non era Gesù Bambino che portava i doni a Natale...e mio padre ...che pure è stato un papà meraviglioso...non voleva ammetterlo ...il che, per me, peggiorava la situazione...Auguri di un fantastico 2008

nessun oggetto. di mastrogiovanniugo lasciato il 04/01/2008 15:44:30
Anche una struggente poesia come questa a volte non serve a dare l’idea precisa del vero dramma interiore di chi scrive.

nessun oggetto. di eliana napoli lasciato il 04/01/2008 09:53:33
Scuote talmente tanto la forza e la crudezza dei tuoi versi...così terribilmente veri...
che la poesia passa in second`ordine

**** di vincenzo lasciato il 04/01/2008 09:40:27
Non è forse anche colpa di noi adulti?
Bella riflessione.

nessun oggetto. di aliante82 lasciato il 04/01/2008 00:21:38
non potevo non lasciare una parola,anche se è difficile per me esprimere un parere,non riesco a guardare la poesia perchè troppo mi colpisce il suo contenuto.
fa riflettere

nessun oggetto. di donna vissuta lasciato il 03/01/2008 21:27:38
Lugubri e spaventose le tue prospettive...

nessun oggetto. di bigi58 lasciato il 03/01/2008 20:40:54
CHE COSA ORRIBILEEEEEEEEE


nessun oggetto. di nuvola lasciato il 03/01/2008 19:39:19
Questa più che una bella poesie è una giusta riflessione, non ci sono più bambini che credono alla cicogna non c`è più l`ingenuita!tipica dei bambini! complimenti.

nessun oggetto. di gigggi lasciato il 03/01/2008 18:30:44
MALEDETTIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII....



 Tutte le poesie di claudio cisco
- solitudine e libertà   - il silenzio nel silenzio   - figlia del vento   - la sposa del mare   - la poesia del gabbiano   - il tuo angelo bambino   - la fine della cicogna   - ricordo d`una ragazza scomparsa   - pagliaccetto azzurro   - l`infinito (liberamente tratta dalla lirica omonima di giacomo leopardi)   - luce   - l`aquilone   - mia piccola lisa   - madre e figlio   - perdendomi nel tramonto   - allontana da me questo calice   - quel mare   - quella strana ragazza   - preghiera d’un’anima in pena alla luna   - il volto inquietante del mio male   - ossessione per una ninfetta (liberamente ispirata al libro lolita di v. nabokov)   - nico   - nostalgia   - in simbiosi con l`universo   - l`armonia del creato   - bella messina   - alba   - attraversando il sole   - era un gioco   - risuscitami  


 Note Legali
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.
Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchè qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell'Autore, è punita con le sanzioni previste dagli Art. 171 e 171-ter della suddetta legge.