Login    Password  

[Registrati]    [Recupera Password]

            

MIA PICCOLA LISA

  Il dono più grande
che la vita mi possa offrire
è quello di poter leggere
ciò che nascondi nel cuore,
mia piccola Lisa.
Lascia che io lo raccolga
fiore che è gettato via,
e lo custodisca qui
in uno spazio che da tempo
ormai è anche tuo.
Spero che quei sogni
che come gemme preziose porti nel cuore
un giorno si avverino tutti,
perchè lo meriti
e lo desideri.
Non ho mai visto
nella continua ricerca della mia immaginazione
ne` in mille volti di creature reali,
una ragazza dal viso così dolce e poeticamente espressivo
come quello tuo.
Il tuo adolescenziale mondo
è per me suggestiva poesia,
la tua voce,
quel silenzio
dei tuoi timidi sguardi!
Trovo nell`irrisolvibile mistero in cui celi pensieri ed emozioni
qualcosa che mi appartiene e mi attrae,
sensazioni che,
nella mia tormentata e adulta esistenza,
sono anche mie.


Condividi questa Poesia!

Tweet


 L'Autore della Poesia
Autore: claudio cisco
Data Pubblicazione: 27/04/2009
Lascia un commento alla poesia


 Commenti alla Poesia
Nessun commento lasciato alla poesia di claudio cisco. Lascia il primo commento alla poesia MIA PICCOLA LISA


 Tutte le poesie di claudio cisco
- risuscitami   - era un gioco   - attraversando il sole   - alba   - bella messina   - l`armonia del creato   - in simbiosi con l`universo   - nostalgia   - nico   - ossessione per una ninfetta (liberamente ispirata al libro lolita di v. nabokov)   - il volto inquietante del mio male   - preghiera d’un’anima in pena alla luna   - quella strana ragazza   - quel mare   - allontana da me questo calice   - perdendomi nel tramonto   - madre e figlio   - mia piccola lisa   - l`aquilone   - luce   - l`infinito (liberamente tratta dalla lirica omonima di giacomo leopardi)   - pagliaccetto azzurro   - ricordo d`una ragazza scomparsa   - la fine della cicogna   - il tuo angelo bambino   - la poesia del gabbiano   - la sposa del mare   - figlia del vento   - il silenzio nel silenzio   - solitudine e libertà  


 Note Legali
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.
Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchè qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell'Autore, è punita con le sanzioni previste dagli Art. 171 e 171-ter della suddetta legge.