Login    Password  

[Registrati]    [Recupera Password]

            

PREGHIERA D’UN’ANIMA IN PENA ALLA LUNA

  Luna,
tu muta e bianca
sul destino degli umani
posi silente lo sguardo.
Solinga e distante,
sorella del buio e delle ombre,
non ti diletti e non piangi
ma taci,
osservi e sempre taci.
Eppure chi può dirmi se non tu sola
se è per natura perdente l’umana sorte
o se riposerà alfin ciascun mortale
e avran sollievo le sue notturne paure?
Vorrei chiederti o mia cara luna
a che serve vivere
e dove porta questo terreno viaggiare,
per cosa si arresteranno i battiti del mio cuore?
Ma tu mi appari misteriosa e vana
come lo è tutta l’esistenza umana
senza risposte, né certezze,
incurante della mia anima che anela, brama di sapere.
Io fragile essere, piccolo e limitato
tu immortale creatura d’uno sconfinato universo,
eppure quanta grandezza nell’umano spirito
nel desiderare l’infinito pur comprendendo la propria piccolezza!
Silenziosa luna presto dovrai andar via,
l’alba si sta svegliando,
la terrena notte illuminerai nuovamente alla fine del giorno
ma gli occhi del mortale uomo rivedranno ancora luce?
e le piante e gli animali tutti qual destino avranno?
Luna
musa ispiratrice di poeti e cantanti,
meta irraggiungibile di sogni lontani,
compagna notturna di viandanti e zingari,
lascia che io alzi lo sguardo fino a te,
ultima sconsolata preghiera d’un’anima in pena.
Tu luna vegli sopra uno strano mondo
fatto di pazzi.
Qui non c’è amore né comprensione
ed io non voglio più starci.
Un immenso buio
ha schiuso le ali sul mondo
e sul cuore degli uomini,
e questa notte sembra non aver mai fine.
Addio anche a te luna!
la mia solitudine è ormai segnata
in un presagio di morte
che prelude al pianto.


Condividi questa Poesia!

Tweet


 L'Autore della Poesia
Autore: claudio cisco
Data Pubblicazione: 27/04/2009
Lascia un commento alla poesia


 Commenti alla Poesia
Nessun commento lasciato alla poesia di claudio cisco. Lascia il primo commento alla poesia PREGHIERA D’UN’ANIMA IN PENA ALLA LUNA


 Tutte le poesie di claudio cisco
- solitudine e libertà   - il silenzio nel silenzio   - figlia del vento   - la sposa del mare   - la poesia del gabbiano   - il tuo angelo bambino   - la fine della cicogna   - ricordo d`una ragazza scomparsa   - pagliaccetto azzurro   - l`infinito (liberamente tratta dalla lirica omonima di giacomo leopardi)   - luce   - l`aquilone   - mia piccola lisa   - madre e figlio   - perdendomi nel tramonto   - allontana da me questo calice   - quel mare   - quella strana ragazza   - preghiera d’un’anima in pena alla luna   - il volto inquietante del mio male   - ossessione per una ninfetta (liberamente ispirata al libro lolita di v. nabokov)   - nico   - nostalgia   - in simbiosi con l`universo   - l`armonia del creato   - bella messina   - alba   - attraversando il sole   - era un gioco   - risuscitami  


 Note Legali
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.
Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchè qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell'Autore, è punita con le sanzioni previste dagli Art. 171 e 171-ter della suddetta legge.