Login    Password  

[Registrati]    [Recupera Password]

            

RISUSCITAMI

  Maestro, ho tanto bisogno di un miracolo

trasforma la mia vita e tutto in me

da tempo non vedo più la luce

hanno spento già la mia gioia di vivere

umiliato la mia speranza,

vedo i miei sogni cancellati tristemente

lacrime di solitudine bagnare i miei occhi.

Maestro, non ho altro che io possa fare

solo tu hai tutto il potere,

sono seppellito come Lazzaro in questo sepolcro di disperazione

c’è un macigno che Satana ha messo davanti.

Maestro, chiama il mio nome ti prego

ascolterò con fede inginocchiato la tua voce

rimuovi la pietra delle mie paure e chiamami ad uscire

fai rivivere i miei sogni: liberami!

Sospinto dalla fede che c’è in te

sicuro d’una vittoria che tu solo dai

risuscitami.


Condividi questa Poesia!

Tweet


 L'Autore della Poesia
Autore: claudio cisco
Data Pubblicazione: 15/04/2018
Lascia un commento alla poesia

 Commento dell'Autore
non esiste solo la morte fisica ma anche quella spirituale!


 Commenti alla Poesia

Lascia un commento alla poesia

poesia di sapri78 lasciato il 23/06/2018 21:06:31
Bellissima poesia che io chiamo preghiera divina. Bravo



 Tutte le poesie di claudio cisco
- solitudine e libertà   - il silenzio nel silenzio   - figlia del vento   - la sposa del mare   - la poesia del gabbiano   - il tuo angelo bambino   - la fine della cicogna   - ricordo d`una ragazza scomparsa   - pagliaccetto azzurro   - l`infinito (liberamente tratta dalla lirica omonima di giacomo leopardi)   - luce   - l`aquilone   - mia piccola lisa   - madre e figlio   - perdendomi nel tramonto   - allontana da me questo calice   - quel mare   - quella strana ragazza   - preghiera d’un’anima in pena alla luna   - il volto inquietante del mio male   - ossessione per una ninfetta (liberamente ispirata al libro lolita di v. nabokov)   - nico   - nostalgia   - in simbiosi con l`universo   - l`armonia del creato   - bella messina   - alba   - attraversando il sole   - era un gioco   - risuscitami  


 Note Legali
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni.
Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonchè qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione dell'Autore, è punita con le sanzioni previste dagli Art. 171 e 171-ter della suddetta legge.